Il Museo della comunicazione

Museo della comunicazione

Museo della comunicazione,
Berna

Il Museo della comunicazione è l’unico museo svizzero che si dedica esclusivamente alla comunicazione e alla sua storia. Con le sue attività tematizza le ripercussioni sociali e culturali della comunicazione e delle sue tecnologie. 

 

Politica museale: l'individuo al centro dell'attenzione

 

Il Museo della comunicazione non pone al centro dell’attenzione la tecnica, ma piuttosto l’individuo. Nella sua attività di mediazione si orienta alle esigenze e alle esperienze delle visitatrici e dei visitatori. Le sue esposizioni impostate in chiave interattiva si propongono di stimolare a un dialogo approfondito e variegato sulle tematiche proposte.

 

Operare in modo imprenditoriale

La mediazione (istruzione, divulgazione, consulenza) e l’orientamento al mercato (marketing, pubbliche relazioni) fanno anch’essi parte della politica museale alla stregua dei compiti fondamentali del Museo: collezionare, conservare, esporre e ricercare. Nel quadro del suo mandato culturale, il Museo della comunicazione opera quindi anche in chiave imprenditoriale.

 

La storia della comunicazione

Il Museo della comunicazione vuole essere il catalizzatore del dialogo con la storia ma anche con il presente e il futuro della comunicazione. Al centro della sua attività colloca il rapporto tra la comunicazione e la cultura. In quest’ottica le sue collezioni nell’ambito della posta, dei trasporti, del turismo, della filatelia, delle telecomunicazioni, dell’informatica, della radio e della televisione lo rendono accessibile a un vasto pubblico.

 

Nuovi sviluppi alla ribalta

Il Museo della comunicazione concentra la sua attenzione soprattutto sui nuovi sviluppi, in modo particolare sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e sui nuovi media. In questo modo prende parte al dibattito su questioni attuali e interdisciplinari.